Bookshop, uno strumento di business intelligente

Museum bookshop

Fare business intelligente attraverso un bookshop è un obiettivo al quale ogni manager di museo deve ambire. Relazionarsi con clientele diverse deve darci spunti e riflessioni, deve stimolarci nella ricerca sempre di articoli idonei che trasmettano e non facciano dimenticare la nostra visita al museo.

Ecco che la scelta di professionisti nel campo dei gadget museali deve essere una garanzia; cerchiamo produttori e rivenditori che abbiano un know-how in ambito museale che possa assicurarci di avere la migliore scelta a disposizione: questo significa che potremmo avere tutti gli strumenti disponibili per strutturare il nostro bookshop nella maniera più giusta e coerente possibile per fornirlo di prodotti da museo adatti al pubblico.

Altro spunto importante rivolto ancora all’ottimizzazione del nostro business legato al museo potrebbe venire da quegli articoli che non hanno avuto il riscontro che avevamo ipotizzato. Cerchiamo di studiare i perché e le cause che non hanno favorito la vendita di tali prodotti, aggiriamo gli ostacoli adottando eventualmente politiche diverse strada facendo.

Pensiamo sempre ai visitatori del museo ed ai loro comportamenti, perché anche questo è migliorare un business in maniera intelligente. Studiamo i comportamenti della nostra clientela, le reazioni di fronte ai prodotti al fine di poter così scegliere gli articoli migliori: solo attraverso attente considerazioni avremo la certezza che il nostro bookshop sarà inserito perfettamente nel contesto giusto strettamente connesso alle strategie del mercato del merchandising museale.

Un bookshop con materiali diversificati
Per essere nel contesto giusto dobbiamo sempre rivolgerci al nostro cliente museale nella maniera più soddisfacente possibile. Diversifichiamo i materiali del nostro merchandising in maniera coerente e responsabile, pensiamo al nostro target e studiamo personalizzazioni su assortimenti di prodotti e gadget da museo con materiali diversi: legno, microfibra, preziosi, oggetti profumati. Inoltre è opportuno riflettere anche su materiali ed oggettistica museale personalizzata legata alla tecnologia: una tecnologia che, ove presente, deve essere di facile fruizione e di poca spesa come ad esempio potrebbero essere usb personalizzate, pen drive, cover per smart phone, calcolatrici ed orologi.

Museo ecologico: bookshop ecologico
Altro ambito da considerare è l’aspetto ecologico dei prodotti legati allo store museale: organizzare un settore con prodotti ecologici o realizzati con materiali riciclati potrebbe arricchire e fornirci ancora una fetta di pubblico a cui non avevamo pensato prima. Alcuni prodotti apparentemente banali potrebbero essere vincenti più che altri solamente perché realizzati con materiali ecologici o riciclati e diventare quindi oggetti di tendenza.